fronte alfa romeo spider duetto alfa romeo spider duetto retro alfa romeo spider duetto
auto epoca pininfarina duettottanta modelli di alfa spider film il laureato con dustin hoffman
Storia alfa romeo spider duetto
Link alfa romeo
Area Riservata
mercoledì 2 settembre 2015

'Per chi ha ancora voglia di sognare a bordo di un’automobile'


Lo spider due posti alfa romeo è da sempre e per definizione, opera di Pininfarina, da sempre è di colore 'rosso alfa' e in questa nuova reinterpretazione rimanda al fascino di un periodo che segnò, con la Duetto degli anni Sessanta, una tendenza legata a temi quali ribellione e fuga, anche grazie al film 'Il Laureato' , che tanto spopolò anche oltreoceano.

Pininfarina ha svelato la Duettottanta Concept in occasione della presentazione al Salone di Ginevra 2010 per celebrare i 100 anni del marchio del Biscione e gli 80 anni della carrozzeria.

Dimensioni: lunghezza di 4212.6 mm, larghezza di 1797 mm, altezza di 1280 mm ed un passo di 2500 mm.

Due posti a sedere e un bel caratterino dettato dal 1750 TBi disposto longitudinalmente e quindi a trazione posteriore, rappresentano il richiamo più evidente all'Osso di Seppia versione “1750 Veloce” del 1968.
Il selettore Alfa DNA sul tunnel in carbonio è in grado, come su tutte le alfa moderne, di variare il setup della vettura scegliendo impostazioni più turistiche o più corsaiole.

Il frontale è tagliato da una linea centrale sul muso della vettura con al centro lo scudetto alfa romeo. Da sottolineare i proiettori a led posti all'altezza del parafango, che si scorge imponente anche dalla vista anteriore.

La prospettiva laterale è percorsa da una linea che parte dal largo passaruota anteriore e si fonde in quello posteriore.

La parte posteriore è la più cattiva e muscolosa, aggressività allo stato puro, fari a led sottili incastonati sotto il rollbar sagomato dalla linea stessa della vettura.

Nel design degli interni si fonde il design alfa di un tempo, con strumenti rotondi e classici, e quello a cui sembra puntare il nuovo stile alfa, più pulito e semplice, ma sportivo e dinamico nel suo insieme grazie all'utilizzo di carbonio e alluminio.

Il volante a calice in carbonio rappresenta un altro richiamo al passato con evidenti somiglianze rispetto a quello della duetto, ma il cambio è un robotizzato a doppia frizione con i paddles che fanno bella mostra dietro la corona.

Il cerchio, classica reinterpretazione dei cinque cerchi alfa, poco nasconde l'imponente impianto frenante carboceramico della Brembo con pinze rosse, teso a sottolineare il carattere sportivo della vettura.

2uettottanta è stata eletta regina del Salone Internazionale di Ginevra 2010 sia dai lettori del mensile Quattroruote che da Panorama.
mercatino alfa usato
quotazioni alfa romeo duetto
leggi le nostre privacy policy per sapere come trattiamo i tuoi dati